Maxi rissa in stazione: aggredito anche un nostro cronista. Hanno tentato di rubargli il cellulare con il quale stava filmando la violenta lite tra extracomunitari. E’ stato medicato dal 118 intervenuto sul posto. E c’è anche  un ferito grave, un ventenne del Gambia, che è stato trasportato all’ospedale San Gerardo in codice rosso, raggiunto da una coltellata. Le Forze dell’ordine hanno fermato il suo presunto aggressore, un 35enne della Guinea. La rissa tra i due immigrati avrebbe poi coinvolto un’altra quindicina di immigrati e a farne le spese, suo malgrado, è stato anche un nostro collega.

Maxi rissa in stazione: ferito anche un nostro collega

rissa in stazione 2
La rissa scoppiata oggi, lunedì, in stazione

A rimanere coinvolto della rissa scoppiata poco fa in via Arosio, a Monza, davanti allo scalo ferroviario, è stato anche un nostro collega, intervenuto sul posto per documentare e raccontare l’accaduto. Il cronista  del Giornale di Monza si è trovato davanti una quindicina di giovani uomini di colore, che si picchiavano. E’ bastato anche solo che prendesse il telefono per documentare la rissa che è stato inseguito e aggredito da alcuni dei presenti. Si è dovuto rifugiare all’interno di un vicino esercizio commerciale.

Leggi anche:  Ecco l'auto del pirata della strada di Segrate

Ancora violenza in stazione

Ora è davvero emergenza. L’ennesima rissa in stazione, che si aggiunge al tentativo di stupro di pochi giorni fa ai danni di una giovane. Ora a subire le conseguenze di questa impennata di violenza è stato anche un giornalista, “reo” solo di fare il proprio lavoro.

Aggiornamento delle 22,15

Il cronista aggredito è stato medicato al Pronto soccorso dell’ospedale di Vimercate, dove gli è stato applicato un collarino. Fortunatamente le radiografie non hanno evidenziato fratture ma desta un po’ di preoccupazione l’occhio sinistro colpito con violenza; domani il collega dovrà tornare in ospedale per una visita oculistica specialistica.  Tante le attestazioni di stima e vicinanza giunte in redazione in queste ore, fra le altre vogliamo ricordare quella dell’Associazione Lombarda di giornalisti che sulla sua pagina  Facebook ha postato la solidarietà del sindacato e dell’Ordine dei Giornalisti.