MB: Infortuni mortali più che raddoppiati nei primi dieci mesi dell’anno. Nel 2018 nel periodo gennaio ottobre se ne erano verificati 6, quest’anno contiamo 13 morti.

MB: raddoppiati gli infortuni mortali

A  lanciare nuovamente  l’allarme è la Cisl Lombardia che, facendo riferimento ai dati Inail (Istituto nazionale per l’assicurazione contro gli infortuni sul lavoro) diffusi ieri, venerdì 29 novembre,  segnala un aumento degli infortuni mortali nella nostra regione e segnatamente in alcune province della stessa mentre in Italia fortunatamente il dato è in calo. Veniamo ai numeri.

La tabella mette a confronto gli infortuni mortali registrati nel periodo gennaio.ottobre 2018 e gennaio-ottobre 2019. Dati Istat

A livello nazionale, rispetto al periodo gennaio-ottobre 2018 ci sono state 49  denunce di infortunio mortale in meno: 896 contro le 945 del 2018 (-5,46%). In Lombardia, le denunce di infortuni mortali sono in aumento del 3%: 137, contro le 133 di gennaio-ottobre 2018. Nella provincia MB purtroppo l’aumento è ben più consistente.

“Non si può abbassare la guardia”

“Ancora una volta si dimostra che non si può abbassare la guardia – afferma Pierluigi Rancati, segretario regionale Cisl Lombardia – La situazione è inaccettabile, Regione Lombardia deve dare al più presto attuazione agli interventi condivisi con Cgil, Cisl, Uil sia potenziando e accelerando le procedure di bando e il reclutamento del personale necessario al potenziamento degli organici Ats per le ispezioni e la prevenzione, sia attuando un corposo piano di azione formativa e la rimessa in moto degli Organismi paritetici”.

Leggi anche:  Incidente sul lavoro: precipitato un uomo di 30 anni

Tra le province si conferma il primato primato negativo di Monza e della Brianza.  In MB nei primi dieci mesi dell’anno gli infortuni mortali sono infatti più che raddoppiati rispetto al 2018, passando da 6 a 13.  Della drammaticità di questa situazione sono ben consapevoli i sindacati confederali provinciali che nel recente passato hanno  manifestato  più volte, prima a marzo poi a giugno, per portare l’attenzione sulla sicurezza sul lavoro.

Drammatica la situazione anche a Brescia: +61%, con 29 denunce di infortunio mortale contro le 18 dello stesso periodo 2018.  Per contro, Milano Metropoli segna un calo: da 40 a 32 infortuni mortali. In calo anche Bergamo, che passa da 18 infortuni mortali a 15 mentre va peggio dello scorso anno anche a Lecco, dove i morti sul lavoro sono stati 4 contro i 3 dello stesso periodo 2018.

Gli infortuni totali sono in diminuzione

Il dato relativo agli infortuni totali  in Lombardia è in diminuzione dello 0,25%: da 99.531 a 99.278.S ul fronte delle malattie professionali si rileva una stabilità: a gennaio- ottobre 2018 erano 3.439, a gennaio-ottobre 2019 3.478, con il macro settore “industria e servizi” a giocare la parte prevalente. La patologia più diffusa è quella relativa al sistema osteomuscolare e del tessuto connettivo, con 1.814 casi nel 2019, contro 1.855 nel 2018.

TORNA ALLA HOME