Morgan: sfratto rinviato per motivi di salute

Avrebbe dovuto lasciare oggi, venerdì, la sua abitazione di via Adamello, a Monza. Invece, sembrerebbe per motivi legati alla sua condizione fisica, l’ufficiale giudiziario ha concesso altro tempo a Marco Castoldi, in arte Morgan, il poliedrico artista che, a causa di assegni di mantenimento mai versati alla figlia avuta con Asia Argento, Anna Lou, si è visto pignorare l’appartamento al piano terra dell’elegante palazzina di Triante dove risiede da anni.

Una vicenda, questa, che ha visto il cantante, nonché giudice di The Voice, portare avanti la sua personale battaglia contro quella che non ha esitato a definire “un’ingiustizia”. Era stato lui stesso, due giorni fa, ad annunciare pubblicamente l’imminente arrivo dell’ufficiale giudiziario e a dare appuntamento per oggi davanti a casa sua dove, alle 9, si sarebbe dovuto tenere un flash mob con tutti i suoi sostenitori che poi – per motivi non chiari – non c’è stato.

Alle prime luci dell’alba di oggi, lo stesso Morgan è uscito e ha affisso fogli recanti articoli della Costituzione, sottolineando i passaggi che alludono alla promozione della tutela del paesaggio e del patrimonio storico, cerchiando poi quest’ultimo passaggio e scrivendo di suo pugno “questa casa è un museo”.

Leggi anche:  Ladri in casa del comandante della Polizia locale

Qualche fan presente, molti fotografi, Morgan è stato raggiunto dalla figlia avuta con Jessica Mazzoli e dalla madre. Insieme alla sua bimba Morgan ha giocato per qualche minuto sullo scivolo che ha nel giardinetto annesso alla sua abitazione. Ma, una volta entrato l’ufficiale giudiziario, il cantante avrebbe accusato un malore. Di qui la decisione di rinviare lo sfratto.