Dopo la strage avvenuta in Nuova Zelanda all’interno di due moschee un post della Lega di Bernareggio ha causato diverse polemiche e condanne.

La strage all’interno delle mosche

Nelle ore appena passate un 28enne australiano armato ha assaltato due mosche in Nuova Zelanda provocando fino ad ora 49 morti. Una strage di musulmani che si trovavano all’interno dei luoghi di culto da parte di una persona che avrebbe rivendicato l’attentato come gesto contro le persone di fede musulmana. Un gesto che è stato ripreso anche dai responsabili della Lega di Bernareggio che hanno pubblicato questo post che ha scatenato un vespaio di polemiche:

“Attentato in Nuova Zelanda: Ogni santo giorno gli Islamici massacrano centinaia di Cristiani in giro per il mondo e nessuno mai nessuno scrive una parola in merito ,nessuno scrive un articolo nessuno si indigna o si strappa le vesti . Cristiani crepate in SILENZIO!!!!!!”

I commenti e l’ira del sindaco

Sotto il post si sono susseguiti diversi commenti, tutti contro quanto scritto: da chi ha affermato che quanto scritto è da denuncia, a chi non ha usato mezzi termini dicendo che ha trovato il commento schifoso, oltre a chi dice che gli autori si dovrebbero vergognare. A questi commenti si sono aggiunti anche quelli del sindaco Andrea Esposito che non ha usato mezzi termini:

“Qualsiasi strumentalizzazione della morte di persone, a qualunque fede appartengano, per fare propaganda politica è semplicemente vergognoso. Non ci sono altre parole, punto”.

Un post, quello della Lega, che porterà con se molte polemiche proprio all’inizio della campagna elettorale e che al momento è ancora visibile sulla pagina facebook dedicata.