“Troppi morti sul lavoro, è tempo di agire”. Cgil, Cisl e Uil della Brianza sono d’accordo: “E’ finito il tempo delle discussioni”

“Troppi morti sul lavoro”

Sette morti sul lavoro in sette mesi (nove secondo un’indagine della Cisl Lombardia, che tiene conto probabilmente anche dei decessi nel tragitto casa-lavoro).

Questo il bilancio “inaccettabile” del 2019 del lavoro in Brianza. Come abbiamo ricordato mercoledì  non ce l’ha fatta l’operaio caduto dal tetto di un cascinale in demolizione a Varedo. Il settore delle costruzioni è il più colpito in Brianza dalle morti bianche.

“Alla sua famiglia – hanno sottolineato Cgil, Cisl e Uil MB in un comunicato diffuso ieri sera, giovedì – va il cordoglio delle organizzazioni sindacali  di Monza e Brianza che più volte in questi mesi si sono mobilitate per chiedere maggiore sicurezza sui luoghi di lavoro, più formazione ai lavoratori e più controlli nelle aziende e nei cantieri”.

Quanto è stato fatto e quanto resta da fare

Il 7 giugno scorso i Rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza (Rls) si erano dati appuntamento per una marcia unitaria: una manifestazione che aveva sfilato per le vie del centro città al grido “basta morti sul lavoro” che si è conclusa in prefettura. E proprio con la prefettura i sindacati stanno costruendo un nuovo protocollo a livello provinciale con l’obiettivo di aumentare la capacità di fare sistema di tutti i soggetti territoriali per migliorare la prevenzione degli infortuni.

Leggi anche:  Anziani maltrattati a Besana, i sindacati chiedono più formazione e controlli

“Un altro lavoratore non farà ritorno a casa – è il commento amaro delle segreterie provinciali di Cgil, Cisl e Uil e delle categorie degli edili – Laboriosa e ricca, la nostra provincia sta mostrando la sua faccia peggiore nella sicurezza sul lavoro. Sette morti dall’inizio dell’anno mostrano l’esigenza di un maggior numero di ispettori e di controlli, oltre alla necessità di un avanzamento culturale”.

“E tempo di agire”

“Il tempo delle discussioni deve essere sostituito con l’agire di tutti i soggetti preposti”, hanno concluso unitariamente le rappresentanze sindacali.

LEGGI ANCHE:

UN TRISTE ELENCO

PRESIDIO CON FLASH MOB

PRESIDIO IN REGIONE