Ufficiale, Monza mette 27 milioni per la metro, per il prolungamento della Linea Lilla della metropolitana, da Milano al cuore della città, fino alla sede della Provincia.

Metro, quanto metterà Monza

Come avevamo già anticipato da settimane, la Giunta guidata da Dario Allevi, in vista della sottoscrizione della convenzione tra tutti gli Enti finanziatori del prolungamento della linea M5 della metro in Brianza, ha approvato la delibera che stanzia 27 milioni e 500mila euro come quota parte di finanziamento dell’opera.

Metro, quanto metteranno Stato, Regione e Comuni

Gli enti territoriali coinvolti si impegneranno a sostenere la progettazione e i lavori per un importo di 365 milioni di euro, pari al 28,85% del totale. Il resto, circa 900 milioni, sarà invece assicurato dal finanziamento statale già approvato da Governo e Parlamento. In base all’accordo concorrono pertanto alla realizzazione del prolungamento della metro – oltre alla città di Monza – i Comuni di Milano, Cinisello Balsamo e Sesto San Giovanni insieme a Regione Lombardia che stanzierà 283 milioni di euro. Un via libera, quello del Pirellone, che arriverà proprio giovedì e venerdì in occasione del Consiglio regionale che darà il via libera all’assestamento di bilancio.

Metro, il commento del sindaco

“La metro è l’investimento strategico più importante per la nostra città, un’opera che scommette in concreto sul futuro di Monza e sul potenziamento del trasporto pubblico – ha commentato il sindaco Dario Allevi al termine della seduta di Giunta – Ciò comporta uno sforzo finanziario straordinario che abbiamo stimato nei bilanci del nostro Comune fino al 2027 e che richiede grande impegno: è una priorità assoluta da perseguire senza se e senza ma”.

Leggi anche:  Agrate: picchiato e rapinato in pieno giorno da tre coetanei

Il via libera dal Consiglio comunale

Il provvedimento passerà ora al Consiglio comunale, domani sera, giovedì, per l’approvazione definitiva, pronto per la sottoscrizione formale dell’Accordo con gli altri Enti, da inviare a Roma al ministero Infrastrutture e Trasporti nelle prossime settimane. All’orizzonte, per il Comune, anche la predisposizione di una variante al PGT e l’adeguamento degli strumenti urbanistici e di quanto necessario in vista del progetto definitivo.

Traffico e inquinamento

La metro è stata fortemente voluta anche da Milano per combattere traffico e inquinamento dalla Brianza che gravano anche sul capoluogo della Regione. Si tratta di un progetto che tra sogni, illusioni e delusioni, accelerate e rallentamenti, si trascina ormai da una trentina d’anni. Ma questa, salvo cataclismi politici ed economici, sembra davvero la volta buona.  L’attuale Amministrazione ha deciso però rispetto ad un cambiamento del tracciato in città.  Sono previste sette fermate, anche in centro, alla stazione e in piazza Trento e Trieste. Le altre saranno l’ospedale San Gerardo, la Villa Reale e il Parco, l’Autodromo, oltre al Polo istituzionale al capolinea, in via Grigna, vicino all’innesto della Statale 36.