Il presidente della Provincia si è insediato, non è mancata qualche polemica tra Lega e Partito democratico.

Il presidente della Provincia ha giurato

“Giuro di osservare lealmente la Costituzione italiana”. Si è aperto in pratica con il giuramento del neopresidente leghista Luca Santambrogio il Consiglio provinciale di oggi  pomeriggio, giovedì 1 agosto. Santambrogio  sta facendo il… pendolare tra Barcellona, dove è in vacanza con la famiglia, e la Brianza. Il 26 luglio è rientrato in occasione delle votazioni che hanno portato alla sua elezione, oggi per l’insediamento e il giuramento… fino al ritorno definitivo previsto per l’inizio della prossima settimana.

Luca Santambrogio, presidente della Provincia di Monza e della Brianza

Dopo i ringraziamenti di rito, a chi lo ha votato e più in generale a tutti i consiglieri e sindaci che si sono recati alle urne nonostante si sia votato il 26 di luglio, il neopresidente, sindaco di Meda,  ha avuto un pensiero per i suoi famigliari ma anche per tutti i dipendenti del Comune di Meda (alcuni dei quali presenti in sala) e della Provincia, che sta cominciando a conoscere. Ha quindi rimarcato che ritiene la presidenza un “incarico molto stimolante che mi porterà a conoscere materie di interesse sovracomunale e mi farà crescere sotto il profilo politico e amministrativo”.

Ha quindi precisato che chiederà un incontro ai suoi predecessori, Roberto Invernizzi e Concettina Monguzzi, per un passaggio di consegne “i dirigenti – ha sottolineato – mi hanno fatto un quadro chiaro dell’Ente, ma volevo confrontarmi con voi, – ha detto rivolto a Monguzzi – mi sembra giusto”. Ha quindi ricordato che il suo vice sarà Riccardo Borgonovo (Forza Italia) di Concorezzo e che al prossimo Consiglio, quando illustrerà più compiutamente il suo programma, assegnerà  le deleghe ai vari consiglieri, deleghe che saranno operative da inizio settembre.

Il punto programmatico principale

Il punto programmatico principale di Santambrogio, lo ha detto chiaramente, “sarà quello di impegnarsi per riportare la Provincia ad essere un Ente di primo livello. A tal proposito mi sono già confrontato con i vertici dell’Unione province Lombarde perché la Provincia di Monza e Brianza deve spingere tutti a lavorare in questa direzione”.

Leggi anche:  Metalmeccanici brianzoli con il freno tirato

Il dibattito

Nel dibattito seguito alle parole del presidente, pur avendo espresso tutti gli intervenuti la volontà di collaborare per fare funzionare al meglio l’Ente, ci sono stati dei distinguo. Anche perché alla Lega non sono piaciute alcune dichiarazioni rilasciate dopo il voto del 26 luglio dal segretario provinciale del Pd Pietro Virtuani e neanche del suo “antagonista” interno al Pd Mariano Delle Cave. Il primo aveva avuto parole dure nei confronti della coalizione vincente; il secondo aveva accusato Virtuani per non aver portato al voto la Provincia prima dell’ultima tornata amministrativa, che si sapeva avrebbe favorito il centrodestra. Quindi prima Andrea Villa e poi Fabio Meroni hanno replicato alle parole dell’uno e dell’altro sottolineandone la gravità. Fra i due interventi dei leghisti si è inserito quello  del consigliere besanese  Sergio Cazzaniga,  Pd, il quale  ha sottolineato come non fosse quella la sede per fare delle polemiche.

Accantonata la polemica, gli auguri di buon lavoro a Santambrogio li hanno  fatti in tanti, da maggioranza e minoranza. Ricordiamo qui quelli della sua sfidante, il sindaco di Lissone  Concettina Monguzzi, la quale ha rimarcato tra l’altro la necessità di avere risorse per ben operare. “La sconfitta pesa – ha ammesso Monguzzi – ma fa parte della democrazia e ci ricorda che prendiamo questi incarichi e queste responsabilità in prestito e dovremo poi renderle dopo averle fatte fruttare. A lei il compito di indicare vie e modi”.

Il servizio completo sull’insediamento del neopresidente sul Giornale di Monza e su tutti i settimanali del Gruppo Netweek della Provincia di Monza e della Brianza in edicola da martedì 6 agosto. 

TORNA ALLA HOME