Bosco urbano di Lissone? Un parco o “terra di nessuno”? Dovrebbe essere il polmone verde della città, un luogo nel quale immergersi nella natura e passeggiare tra i viali alberati o sulle rive del laghetto.

Bosco urbano, viaggio nel degrado

Invece l’area del Bosco urbano di via Bottego tutto sembra fuorché un luogo bucolico. Già entrando dal cancello principale, tra la ex piattaforma ecologica e la casetta dell’Associazione Cacciatori, i visitatori sono accolti da decine di buche e crateri che mettono a dura prova le sospensioni delle auto.

La scorsa settimana ho visitato l’area e ho potuto notare una grande incuria del verde nella zona del laghetto del bosco urbano – ha sottolineato Roberto Perego, capogruppo consiliare della lista civica “Lissone in movimento” – Praticamente ho percorso il viale alla destra del laghetto e solo in una ventina di metri ho notato una situazione che non mi è piaciuta per niente; non ho proseguito oltre, perchè mi sembrava già troppo lo sconcio cui avevo assistito.

Il Comune, nel frattempo, ha firmato un accordo con l’Ente parco GruBria per attivare un progetto di riqualificazione dell’area. Ma resta altissima l’attenzione soprattutto dopo i continui episodi di sversamenti abusivi di rifiuti da parte di incivili.

La notizia sul Giornale di Monza in edicola fino a lunedì.

© RIPRODUZIONE RISERVATA