Con lo slogan ‘piedi per terra, sguardo al futuro’, l’edizione 2018 ha acceso i riflettori sulle linee programmatiche del governo regionale. Stati Generali della Ricerca e dell’Innovazione: nella cornice della sala “Marco Biagi”, questa mattina, si è parlato del futuro che potrà giocarsi la nostra Regione nella partita per l’innovazione.

Stati Generali della Ricerca e dell’Innovazione

“Senza innovazione e senza ricerca non si va da nessuna parte. Regione Lombardia ha punti di partenza vantaggiosi. Abbiamo grandi università e centri di ricerca. Il lavoro di questi deve essere utile all’attività delle piccole-medie imprese” ha dichiarato il Governatore di Regione Lombardia Attilio Fontana. “L’autonomia  è l’infrastruttura istituzionale  – ha proseguito il presidente – che rende possibile questa ‘fuga in avanti’ nel campo dell’innovazione”. Con la conduzione dell’editorialista, Massimo Sideri, la mattinata ha visto gli interventi, nell’ordine, di: Roberto Albonetti (direttore Generale Ricerca, Innovazione, Università, Export e Internazionalizzazione di Regione Lombardia)Mario Calderini (Foro regionale per la ricerca e innovazione) , Sabrina Baggioni (direttore del programma 5G di Vodafone) Andrea Ruckstuhl (direttore Emea Lend Lease) e Fabrizio Sala (vicepresidente di Regione Lombardia).

Ambiti di applicazione

Medicina personalizzata, fabbrica intelligente, tecnologie per ridurre lo spreco alimentare e migliorare la qualita’ dell’ambiente, ma anche agricoltura 4.0, banda larga e domotica.  Sono le priorità e gli indirizzi contenuti nel Programma Strategico Triennale per la Ricerca e l’Innovazione, il documento promosso dall’assessorato regionale alla Ricerca, Innovazione, Universita’, Export e Internazionalizzazione, al centro degli interventi di stamane, alla cui stesura hanno partecipato  oltre 1500 cittadini attraverso a una consultazione pubblica online sulla piattaforma web Openinnovation.

Leggi anche:  Olimpiadi 2026, via all'asse lombardo-veneto

Prossima tappa

Dal 18 al 22 luglio  aprirà i battenti Campus Party Fiera Milano Rho, dove migliaia di persone,  giovani talenti, istituzioni, aziende, università e community si incontreranno per parlare di futuro. Ovvero di open innovation, tecnologia, co-creazione e sviluppo. I partecipanti  quindi avranno la possibilità di prendere parte alla tappa italiana del festival internazionale dell’innovazione portandosi una tenda da casa.